Nuova dichiarazione del manager Marchi dopo la sconfitta degli Strappados di ieri sera

Pubblicato: 29 giugno 2011 in Uncategorized

Il manager Leo Marchi, dopo aver guardato in televisione Ruphillies Strappados e avendo assistito alla sconfitta di quest’ultimi, ha indetto una conferenza stampa con urgenza e ha dichiarato:

“Vorrei far sapere ai miei amatissimi giocatori che il mio amico Zenone di Elea (andavamo a scuola insieme!) una volta ha detto che Achille non riuscirà mai a raggiungere la tartaruga partita prima di lui: Achille corre dieci volte più svelto della tartaruga e le concede dieci metri di vantaggio. Achille corre quei dieci metri e la tartaruga percorre un metro; Achille percorre quel metro, la tartaruga percorre un decimetro; Achille percorre quel decimetro, la tartaruga percorre un centimetro; Achille percorre quel centimetro, la tartaruga percorre un millimetro; Achille percorre quel millimetro, la tartaruga percorre un decimo di millimetro, e così via all’infinito; di modo che Achille può correre per sempre senza raggiungerla. Insomma, alla fine volevo dire che Zenone si sbagliava e che noi raggiungeremo la tartaruga e confuteremo dopo secoli questo paradosso!

Adesso l’impegno è per il 7 luglio, una data cruciale per le sorti della squadra che potrebbero agganciare la tartaruga in vetta alla classifica! Quindi preparatevi bene….!”

Poi è salito sulla sua Porche monoposto rosso fiammente ed è sgommato via.

Annunci
commenti
  1. loris ha detto:

    maneger non ci ho capito molto ma………vincere sara’ il nostro motto al 7 di luglio

  2. merlino ha detto:

    Non eravamo nella stessa classe, anche perchè io ho qualche anno in più.
    Prendevamo però lo stesso pulmino.
    Per questo si racconta che “andavamo a scuola insieme”.

  3. merlino ha detto:

    Ci terrei anche a precisare che Zenone in realtà si chiamava Zeno.
    In classe con lui c’era un altro Zeno e siccome quando la maestra faceva l’appello si alzavano entrambi, uno fu ribatezzato Zenone in quanto più largo di corporatura.
    Più o meno è quello che è successo con Robertone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...